Pulizia Intestinale
14 Ottobre 2019 By Stefano Zanardi Non attivi

Pulizia intesitinale: cause e rimedi contro l’intossicazione intestinale

Cos è la pulizia intestinale?

La pulizia intestinale può essere considerata un’operazione molto benefica per l’organismo, finalizzata a ripulire l’intestino da tossine e scorie, e che spesso viene eseguita nell’ambito di determinati protocolli medici (ad esempio in vista di esami endoscopici, o in presenza di stipsi: ovvero di fastidi del tratto enterico).

La pulizia dell’intestino, in alcuni casi, richiede l’intervento sanitario, mentre in altri casi può essere realizzata autonomamente, ovvero a casa e senza l’intervento medico. Indipendentemente dal motivo che induce ad effettuare l’operazione, o dallo strumento utilizzato, è sempre consigliabile richiedere l’intervento medico perché si tratta di “un’attività” delicata e che, nel caso in cui vengano usati appositi strumenti rettali, non può essere condotta senza l’uso di determinate norme sanitarie e di pulizia (il previo parere medico è necessario anche per escludere la presenza di controindicazioni o possibili rischi per la salute).

La pulizia intestinale, tecnicamente, da luogo al lavaggio del tratto enterico del paziente (ad esempio il colon). Lo scopo principale dell’operazione è quella di pulirlo e liberarlo dai residui accumulati, ad esempio a causa di comuni intossicazioni intestinali (quest’ultima è provocata dall’accumulo di tossine e veleni nell’intestino, che a lungo andare possono portare anche a patologie serie).

È bene tenere conto, infatti, che normalmente l’intestino si purifica dagli scarti intestinali in assoluta autonomia, quando però il paziente si trova in condizioni particolari (ad esempio soffre di stipsi o intossicazione intestinale), la pulizia completa dell’intestino si presenta necessaria, e in questo caso si procede a stimolare la “peristalsi intestinale”, allo scopo di rimuovere completamente i materiali di scarto ivi presenti (la pulizia dell’intestino viene in genere praticata anche a livello sanitario, quando è necessario procedere con interventi chirurgici o in previsione di esami medici, come la colonscopia).

Ma quali sono gli strumenti utilizzati per effettuare la pulizia intestinale? La pulizia dell’intestino viene in genere effettuata tramite farmaci da assumere per via orale o rettale, anche se in alcuni casi vengono usati clisteri o l’idrocolonterapia.


Quali sono le cause di intossicazione intestinale?

L’accumulo di tossine e residui nell’intestino può provocare, nel corso del tempo, molti disturbi. Le cause principali dell’intossicazione intestinale derivano dal tenore di vita scorretto, ovvero dalle cattive abitudini alimentari. L’importanza dell’intossicazione del colon, naturalmente, dipende dalla gravità di ogni singolo caso e della situazione scatenante, anche se una dieta corretta è sempre il primo passo per la prevenzione di ulteriori e più importanti disturbi. Nei casi più gravi, l’intossicazione intestinale, può portare a infiammazioni del colon anche importanti, nonché a flatulenza, gonfiore addominale, dolore e fitte.

Quando l’intestino è infiammato a causa dell’accumulo di scorie, possono comparire anche diarrea e sangue nelle feci. In questi casi è necessario intervenire tempestivamente, e concordare con il proprio medico la terapia più adeguata al caso specifico, evitando di assumere farmaci o altri rimedi senza il previo parere medico.

Se l’infiammazione provocata dall’intossicazione alimentare non è grave, è possibile agire tempestivamente per prevenire altri ed eventuali disturbi, agendo immediatamente sull’alimentazione (la corretta alimentazione è la chiave per la salute dell’organismo in generale, oltre che del colon).

Le intossicazioni intestinali più frequenti sono quelle provocate dall’assunzione eccessiva di grassi, ma anche alcool e fumo di sigaretta. Quando la causa dell’intossicazione è la cattiva alimentazione, sono spesso presenti particolari sintomi: come gas intestinale e gonfiore addominale, perdita di appetito e, raramente, febbre. In tutti questi casi, come fattore scatenante, vi può essere anche la stipsi: una problematica provocata dalla mancanza di un’alimentazione ricca di fibre e acqua.

Quali sono i sintomi intossicazione intestinale?

Fare una sistematica pulizia intestinale è indispensabile per una vita sana e senza problemi, ma questo già lo sai bene. Ciò che molto probabilmente non saprai è quando farla e come.
Come abbiamo già detto, in certo in momenti ci sentiamo non troppo bene, viviamo i sintomi da intossicazione alimentare e cosa facciamo?

Ci sentiamo stanchi ma invece di pensare che forse abbiamo mangiato troppo e male, pensiamo di sentirci così perché siamo deboli. Risultato?

Mangiamo mangiamo e continuiamo ad intasare il nostro sistema di disintossicazione che funziona solo se mangiamo in modo naturale o seguiamo un digiuno terapeutico a scopo depurativo.
Ascoltare il proprio organismo non è facile, spesso i segnali di alcuni disturbi si assomigliano a tal punto che tendi a trascurare senza pensare che probabilmente si tratta di una forte richiesta di aiuto che arriva dai tuoi organi interni.

I disturbi digestivi dovuti alla intossicazione intestinale sono vari, e possono manifestarsi con problemi in apparenza non correlati all’intestino, ad esempio dolori alle articolazioni, problemi alla pelle (ad esempio manifestazioni dermatologiche), vene varicose, abbassamenti di memoria, irritabilità in generale.

Molti disturbi si presentano apparentemente non correlati a problemi digestivi, proprio perché la salute dell’organismo passa sempre attraverso l’intestino, e se quest’ultimo è intossicato, difficilmente il corpo sta bene (l’intossicazione intestinale può persino presentarsi con mal di testa e debolezza).

Primo sintomo di intossicazione è la sensazione di stanchezza e affaticamento

Alzarsi la mattina con un senso di abbiocco generale è normale, ma di solito questa tende a scomparire verso le 10, momento nel quale la nostra produttività e attenzione è ai massimi livelli. Se ciò, però, non avviene e trascorri l’intera giornata a trascinarti su e giù per l’ufficio senza combinare nulla, dovresti prendere in considerazione l’idea che il tuo corpo ha bisogno di aiuto.
Evita di compensare la mancanza di energia con bevande stimolanti, perché queste causano al fegato un forte stress da compensare. Non riempirti di caffè per andare avanti, ma fermati ad ascoltare cosa ti dice il tuo fisico. In questo caso, infatti, risulta particolarmente utile una pulizia del colon in combinazione a un programma di disintossicazione che rilasci tutte le scorie e ti faccia sentire più leggero.
Depurare il corpo è molto utile anche per quanto riguarda il problema opposto, ossia i problemi nel dormire perché ti darà modo di riposare al meglio delle tue forze.

Costipazione, un altro sintomo di intossicazione da non sottovalutare

La stitichezza cronica è un chiaro e significativo segnale che qualcosa nel tuo sistema digestivo non funziona nel verso giusto. Se hai già provato a incrementare l’apporto di fibre e stai seguendo una dieta apposita senza avvertire i risultati sperati, ecco che depurare il corpo può essere la soluzione al problema.
Se, invece, stai seguendo uno stile di vita sregolato, smetti subito di alimentarti con cibo spazzatura come frittura, ma inizia a stuzzicare colorati e simpatici cibi sani. Frutta e verdura sono perfetti per rifornirti delle vitamine e dei minerali di cui hai bisogno.
E se la tua dieta non funziona, forse non è colpa del dietologo ma potrebbe essere il sintomo di qualcosa di più grande. I problemi di peso, infatti, possono essere associati a una necessità dell’organismo di essere liberato dalle scorie.

Difficoltà di concentrazione

Se sei uno studente o stai lavorando a un progetto che richiede la massima concentrazione, potresti sentirti alquanto frustrata nel constatare quanto ti sia difficile mantenere alta l’attenzione per più di pochi minuti.
Non arrabbiarti con te stessa, non sempre questo può essere attribuito alla tua pigrizia e poca voglia di fare. Anzi, molto spesso, a contrario, è un segnale che viene trascurato. Il tuo organismo, infatti, sta cercando di farti capire che è arrivato a tappo e ha bisogno di essere completamente lavato da tutte le tossine che ha assimilato dall’ambiente esterno. Ti sta chiaramente dicendo di depurare l’organismo, in modo tale da essere liberato da queste e dai metalli pesanti, sarai ben sorpresa di notare i miglioramenti nella tua attenzione.

Problemi di disfunzione sessuale

È decisamente divertente pensare che molti dei problemi riguardanti il sesso potrebbero essere risolti con un programma di disintossicazione di pochi giorni. Non ci pensi mai, ma i tuoi organi riproduttivi sono esattamente alla stregua delle altre zone del tuo corpo, quindi anche loro hanno bisogno di essere liberati dalle scorie.
Se questi non sono in grado di ricevere le vitamine e i minerali di cui hanno necessità per svolgere il loro lavoro a causa dell’alta tossicità nel corpo, le prestazioni fisiche ne saranno influenzate. Quindi, evita di incolparti se un rapporto non va come desideravi, ma risolvi depurandoti a dovere. Vedrai che il desiderio sessuale sarà più forte e sarai molto più felice!

Depurare il corpo contro inspiegabili dolori e rigidità muscolare

Se non sei tipo da fare palestra tutti i giorni, ma la mattina ti svegli come se fossi stata investita da un camion, allora c’è effettivamente qualcosa che non va.
Devi sapere che le sostanze tossiche, se mai trattate, si accumulano al tuo interno nel corpo degli anni. Questo può portare a forti dolori articolari e una rigidità muscolare. Puoi risolvere con una disintossicazione rivolta a ridurre l’eccessiva infiammazione, di conseguenza i dolori si calmeranno e tu riuscirai a muoverti come prima.

Rimedi per una corretta pulizia intestinale

Effettuare la pulizia del colon è sempre una buona idea, a prescindere dalla motivazione di fondo. Nell’ambito della medicina alternativa viene spesso praticata tramite l’adozione di determinati rimedi naturali, che includono l’assunzione di prodotti privi di sostanze artificiali e lavaggi intestinali (anche in questo caso, naturalmente, è sempre consigliabile il previo pare medico).

Per un’adeguata pulizia del colon è innanzitutto possibile assumere l’aceto di mele e il kefir, sostanze che stimolano la digestione e producono un effetto probiotico. Per prevenire disturbi intestinali è inoltre necessario assumere una dieta ricca di frutta e verdura, oltre che d’acqua.

Pulizia intestinale naturale

Per una efficace pulizia intestinale naturale è fondamentale selezionare gli alimenti più adeguati per non incorrere in spiacevoli sintomi da intossicazione di tossine.
Parecchie volte accusiamo diversi disturbi da intossicazione molto fastidiosi che interessano soprattutto, ma non solo, il nostro apparato digerente:

  • Stanchezza.
  • Stress.
  • Problemi di concentrazione.
  • Stitichezza.
  • Difficoltà digestive.

E allo stesso tempo, frequentemente non riusciamo a percepire la causa specifica di questi disturbi.
In questi casi possiamo trovare beneficio e aiuto concreto in un sistema di pulizia intestinale naturale.

Bisogna sapere infatti che diverse tossine che il nostro corpo produce (per le più molte cause, dall’inquinamento ambientale cui siamo esposti, allo stress fino a un’alimentazione non salutare) si depositano a livello del nostro intestino e soprattutto nel nostro colon (o intestino crasso).
Il colon si trova nella parte finale del nostro intestino ed evitando, grazie a un sistema di pulizia intestinale naturale, l’accumulo eccessivo di tossine siamo in grado di migliorare il nostro stato di salute generale.

Pulizia intestinale con le fibre

Assumere la giusta quantità e qualità di fibra è indispensabile per la pulizia intestinale naturale: ma bisogna ricordarsi di privilegiare gli alimenti che sono già di natura più ricchi di fibra.
Meglio scartare invece quei prodotti raffinati cui la fibra è stata aggiunta a posteriori: spesso accade con il pane integrale, preparato con farina bianca raffinata cui in seguito viene aggiunta crusca.
Per cui sulla nostra tavola non devono mai mancare:

  • Frutta fresca, secca e disidratata.
  • Verdure e ortaggi.
  • Legumi.
  • Cereali integrali (miglio, orzo e riso).
  • Una dieta depurante completa.

Depurare l’intestino bevendo acqua

Quando decidiamo di iniziare un percorso di pulizia intestinale naturale aggiungendo nella nostra dieta una maggiore quantità di fibre, è di fondamentale importanza aumentare in modo proporzionale anche la quantità di acqua che beviamo di norma durante il giorno.
Infatti l’acqua è necessaria perché le fibre compiano il loro lavoro di favorire il transito intestinale e inoltre ricopre una particolare importanza in tutti quei processi di depurazione dalle tossine del nostro organismo.

Calcio, magnesio e la pulizia intestinale naturale

Ci sono poi alcuni minerali che rivestono una grande importanza per la salute del nostro colon e per la pulizia intestinale naturale:

  • vuoi eliminare una carenza di calcio? Mangia allora cibi come sesamo, ortaggi a foglie verdi e mandorle: contribuiscono alla salute dell’ultimo tratto dell’intestino;
  • il magnesio: importante per i disturbi come il colon irritabile (attenua gli spasmi muscolari involontari) e contenuto nel cacao, nei semi di zucca e nelle verdure a foglia verde.

E’ ora disponibile il programma COLO VADA PLUS

Scopri COLO VADA PLUS . Clicca qui sotto per saperne di più


Sì! Voglio saperne di più su COLO VADA PLUS