Le Cose che Devi Assolutamente Sapere sugli Effetti di Una Dieta Acida o Alcalina

Cosa significa esattamente essere alcalino e acido?

I tanti nomi che si danno alle malattie non hanno, in realtà, importanza.

Quello che conta è che tutte derivano dalla stessa causa fondamentale: un eccesso di rifiuti acidi nei tessuti dell’organismo!

Come si fa a sapere se il corpo è troppo acido?

Bisogna fare l’esame del sangue, dell’urina e della saliva?

Ad oggi, nessun esame è in grado di misurare con precisione il tuo livello di acidità perché gli attuali metodi diagnostici rivelano solo che ci sono rifiuti acidi nei fluidi corporei (sangue, linfa, urina, muco e saliva). 

Questi esami non forniscono mai una misura certa di quanti rifiuti acidi siano, di fatto siano presenti nel corpo.

Sebbene i fluidi continuano a circolare nei tessuti, nel tentativo di rimuovere i rifiuti acidi in eccesso, non è possibile valutare lo stato dei tessuti organici (pelle, organi, ghiandole, muscoli, legamenti, arterie e vasi sanguigni).

Purtroppo, i rifiuti acidi, che non vengono eliminati completamente sono riassorbiti attraverso il colon nel fegato, per poi ritornare in circolazione. In seguito, possono di nuovo depositarsi nei tessuti. 

E’ dalle quantità di questi residui acidi nei tessuti che dipende la malattia o la salute!

Bisogna iniziare a scoprire quali sono i rifiuti presenti nell’organismo e iniziare un processo di autoalcalinizzazione liberando il corpo.

Il risultato sarà il miglioramento dello stato di salute, energia e forza che ti permetterà di godere appieno la vita.

Vedi la cosa in questo modo: troppa acidità nel corpo significa ad avere poco olio nel motore della tua auto. Quando questa, in un sonnolento pomeriggio domenicale, all’improvviso rallenta fino a fermarsi, sei decisamente nei guai. Per il tuo corpo vale la stessa cosa. 

Nel corso della nostra vita, ad un certo punto, il corpo inizia a scricchiolare fino a bloccarsi da qualche parte e ci si ritrova con un malore. 

Osservo come persone di tutte le classi sociali e diversi stili di vita soffrano a causa di questo eccesso. E’ la rovina per i ricchi come per i poveri, per i giovani come per gli anziani, sia per i mangiatori di carne che per i vegetariani che non ne sono esenti. Tutti sono esposti in egual modo ai lenti effetti dell’acidosi.

I medici si sentono dire: “Ormai non mi sento più come uno o due anni fa. Suppongo che stia perdendo colpi perché sto invecchiando”. (e questo viene detto con un sorriso o un’amara risata.)

“Quanti anni ha?”

“Ventisei.”

Ora penserai che non sia possibile sentire parlare in questo modo qualcuno così giovane. Invece, questa scena si presenta con persone di tutte le età.

Oppure capita di sentire questa frase:

“Dottore, i miei muscoli sono rigidi e dolenti. Mi sembra di non riuscire più a reggere una giornata di lavoro come prima. Mi sento troppo indolenzito.”

  “Da quando ha notato di sentirsi così?”

“Questa sensazione si è aggravata lentamente a partire da, più o meno 5 anni fa. Penso che si tratti di artrite o reumatismi.”

  “Quindi è iniziato tutto intorno a 40 anni?”

“Eh sì, si sa che quando si arriva ai 40, si cade a pezzi”.

La convinzione che sta alla base di questa affermazione, oggi è così diffusa da diventare quasi un’ossessione.

Ciò che rattrista è che la concezione che abbiamo di assistenza sanitaria alimenta questa convinzione negativa. Molti credono che sia inevitabile soffrire di questi dolori o disturbi. Alla fine, è stato così per i nostri genitori i quali si sono imbottiti di ogni possibile sostanza chimica acidificante, per stimolare artificialmente le ghiandole, giusto per un paio di orette. E quando una medicina non funzionava ed il dolore ritornava, si prendeva un’altro farmaco.

Prima di tutto, vediamo cosa si può fare per prevenire ed alleviare i problemi di salute creati dagli squilibri del pH cominciando a capire in modo semplice i principi di base dell’alcalinità e acidità.

Una parte dei minerali presenti nei cibi, dopo essere stati metabolizzati viene eliminata come scarto alcalino o acido attraverso l’urina. I metodi di misurazione che sono utilizzati oggi si riferiscono ad un corpo perfettamente sano ma, dal momento che non si trovano molte persone ideali, è quasi impossibile definire con certezza i valori corretti dei minerali eliminati con l’urina.

Inoltre, considera che essendo ogni persona diversa, nell’assumere sostanze alcalinizzanti, ognuno si libera di una quantità soggettiva di tossine acide che possono far parte anche di quelle vecchie depositate nei tessuti.

 Quindi, nell’urina potrebbero essere mescolati residui minerali acidi, proveniente da depositi precedenti che altererebbero una lettura ideale.

Minerali Alcalinizzanti

Un altro fattore dell’equazione alcalino-acida è il modo come l’organismo trasforma i minerali alimentari. Alcuni minerali sono acido-leganti, cioè che si legano chimicamente alle tossine acide, rilasciando nella saliva e urina dei residui alcalini.

I minerali acido-leganti o alcalinizzanti sono: calcio, magnesio, sodio, potassio, ferro e manganese.

Gli alimenti o bevande che li producono normalmente, contengono residuo alcalino e per questo vengono chiamati alcalinizzanti.

Minerali Acidificanti

Altri minerali sono alcale-leganti ovvero si uniscono chimicamente ai minerali della riserva alcalina e rilasciano un residuo acido nella saliva e nell’urina.

I minerali alcale-leganti o acidificanti sono: fosforo, zolfo, cloro, iodio, bromo, fluoro, rame e silicio. 

Gli alimenti o bevande che li producono normalmente, contengono un residuo acido e per questo vengono chiamati acidificanti.

Dico normalmente perché stiamo considerando delle persone reali, non un semplice contenitore di sostanze come qualcuno vorrebbe farci credere. Stiamo parlando di una personale reale che prova ha dei sentimenti e che prova delle emozioni, che a loro volta provocano delle reazioni ormonali.

Prendiamo per esempio il caso di una persona che apparentemente sembra essere molto solida e nel pieno controllo della sua vita. Potrebbe sembrare un esempio della filosofia alcalinizzante mentre nella realtà risulta essere in un calderone di emozioni incontrollate. In questo caso, una sostanza potenzialmente alcalinizzante presente nella saliva e nell’urina potrebbe non comportarsi per niente come ci si aspetterebbe. Infatti, potrebbe formare prodotti acidi di scarto più velocemente di quanto qualsiasi cibo alcalinizzante sia in grado di neutralizzare. Questo accade perché tutte le sostanze ingerite ma anche tutte le altre condizioni fisiche, emotive e mentali formano un residuo alcalino o acido.

A cosa servono nel corpo gli alcali e gli acidi?

Questi minerali forniscono o sottraggono energia al corpo.
Sotto il profilo energetico del corpo seguono due definizioni:

  • Una reazione è alcalinizzante quando fa aumentare l’energia dell’organismo e lascia un residuo alcalino nell’urina.
  • Una reazione è acidificante quando fa diminuire l’energia dell’organismo e lascia un residuo acido nell’urina.

A stabilire che una sostanza sia alcalina o acida è il suo pH (potential Hydrogen, potenziale d’idrogeno) che misura il numero di ioni idrossili (OH-) di carica negativa e alcalinizzanti contrapposti alla quantità di ioni idrogeno di carica positiva (H+) e acidificanti.

Il pH misura quanto gli ioni di carica negativa (alcalinizzanti) e quelli di carica positiva (acidificanti) si attraggono gli uni con gli altri (effetto magnetico). Pertanto, le reazioni alcalinizzanti ed acidificanti sono semplicemente di origine elettromagnetica. Ciò significa che pure noi siamo un sistema di reazioni elettromagnetiche ben organizzate. 

“Siamo degli esseri vibranti”. Più forti sono queste vibrazioni, più siamo sani. L’intensità dell’elettricità corporea cambia esattamente in maniera proporzionale alla quantità di sostanze alcalinizzanti ed acidificanti presenti nel nostro corpo.

Molte ricerche specialistiche confermano che la coincidenza del pH dell’urina e della saliva (6,4-6,5) riflette lo stato ottimale del corpo umano. Tuttavia, testare questi valori ad intervalli frequenti nell’arco della stessa giornata lavorativa risulta spesso impraticabile.

A mio parere, i rifiuti acidi aggrediscono le articolazioni, i tessuti, i muscoli, gli organi e le ghiandole causando disfunzioni di grado diverso. Quando aggrediscono le articolazioni, potresti sviluppare l’artrite. Quando aggrediscono i muscoli, potresti iniziare a soffrire di miofibrosi. Quando aggrediscono gli organi o le ghiandole, potrebbero comparire una miriade di malattie.

I rifiuti acidi predispongono il terreno alla comparsa di qualunque infezione insidiosa, dal semplice raffreddore al cancro.

Il mio scopo è di mostrare come sostanze e situazioni alcalinizzanti determinano risultati elettrochimici energizzanti e rinvigorenti che conducono ad una salute ottimale.

Per iniziare un processo di autoalcalinizzazione, si deve cominciare da una corretta idratazione con prodotti che liberano il tuo corpo dai rifiuti acidi accumulati negli anni. Il programma HydraMax Pack, che ti invito a provare al più presto, è stato sviluppato per assolvere questo compito.

HydraMax Pack

  • Migliora le proprietà biologiche e alcaline dell’acqua garantendo un’idratazione ottimale delle cellule.
  • Aiuta ad assimilare in modo ottimale l’acqua nel corpo, idratando dove necessario. 
  • Potenzia l’assimilazione delle sostanze nutritive e il loro trasporto alle cellule.
HydraMax Pack Coral Club